Le Dolomiti e San Vito
sia in Inverno che in Estate

 Le Dolomiti

I “monti pallidi”, così chiamati per il tipico colore che le cime di queste montagne assumono dopo il tramonto, colpiscono il visitatore per la loro affascinante bellezza. La notorietà acquisita da queste montagne non è solamente legata all’incomparabile bellezza del paesaggio dolomitico, ma anche all’interesse scientifico dei complessi processi geologici che ne hanno determinato la formazione.

L’area dolomitica si estende dalla riva est dell’Isarco e dell’Adige superiore fino al Monte Croce e prosegue verso ovest lungo la valle del Piave fino in Valsugana. Il nome Dolomiti deriva dal geologo francese Déodat Gratet de Dolomieu che riconobbe la particolare composizione chimica e mineralogica (carbonato di calcio e magnesio) della roccia calcarea diffusa in questa regione alpina. 

San Vito di Cadore

Splendido e caratteristico paese della montagna veneta, San Vito di Cadore è situato a mille metri di quota, nel cuore delle Dolomiti, è la più importante località turistica della Valle del Boite dopo la vicina Cortina d’Ampezzo.

San Vito gode di una splendida posizione ed è circondata da bellissime cime: il Sorapis ed Antelao ad est e Pelmo e Becco di Mezzodì ad ovest. In quest’ultima zona, vicino al Passo Giau, si può ancora osservare l’antico confine (Muraglia di Giau) eretto nel 1753 dopo una lunga disputa sul possesso dei pascoli e dei boschi tra gli abitanti di San Vito e gli ampezzani.

365 giorni di sport e benessere

Splendido e caratteristico paese della montagna veneta, San Vito di Cadore è situato a mille metri di quota, nel cuore delle Dolomiti, è la più importante località turistica della Valle del Boite dopo la vicina Cortina d’Ampezzo.

San Vito gode di una splendida posizione ed è circondata da bellissime cime: il Sorapis ed Antelao ad est e Pelmo e Becco di Mezzodì ad ovest. In quest’ultima zona, vicino al Passo Giau, si può ancora osservare l’antico confine (Muraglia di Giau) eretto nel 1753 dopo una lunga disputa sul possesso dei pascoli e dei boschi tra gli abitanti di San Vito e gli ampezzani.